mercoledì 6 giugno 2018

il crepuscolo, e il sesso


"Sta scendendo il crepuscolo, e il sesso, il nostro più grande piacere, se ne sta andando a velocità supersonica, tutto se ne sta andando a velocità supersonica e ti chiedi come hai potuto essere tanto pazza da rifiutare anche la minima, la più squallida scopata" - Philip Roth

giovedì 31 maggio 2018

pomeriggio d’estate



"Pomeriggio d’estate – pomeriggio d’estate; queste sono sempre state per me le parole più belle della mia lingua" - Henry James

lunedì 23 aprile 2018

tuffarci nell’abisso



"Noi vogliamo, per quel fuoco che ci arde nel cervello, tuffarci nell’abisso, Inferno o Cielo, non importa. Giù nell’Ignoto per trovarvi del nuovo" - Charles Baudelaire

sabato 14 aprile 2018

telefonare diventa impossibile


“La facilità di telefonare costituisce una tentazione tale che telefonare diventa sempre più difficile, per non dire impossibile.” - Italo Calvino



venerdì 13 aprile 2018

buone sorelle



“Bara e alcova vi offrono, come buone sorelle, piaceri terribili e paurose dolcezze.” - Charles Pierre Baudelaire

martedì 10 aprile 2018

alle tre del pomeriggio



"Alle tre del pomeriggio è sempre troppo presto o troppo tardi per qualsiasi cosa tu voglia fare" -
Jean-Paul Sartre

giovedì 29 marzo 2018

un attimo dopo non c’è più



 "Non c’è donna più bella di quella che passa sotto la tua finestra e un attimo dopo non c’è più" - Charles Bukowski

sabato 16 dicembre 2017

consolazioni



"E dopotutto ci sono tante consolazioni! C’è l’alto cielo azzurro, limpido e sereno, in cui fluttuano sempre nuvole imperfette. E la brezza lieve" - Fernando Pessoa

giovedì 30 novembre 2017

con la tua bocca


"Oggi lasciate che sia felice, io e basta, con o senza tutti, essere felice con l'erba, e la sabbia, essere felice con l'aria e la terra, essere felice con te, con la tua bocca, essere felice." - Pablo Neruda

domenica 5 novembre 2017

donna




Donna completa, mela carnale, luna calda,
denso aroma d'alghe, fango e luce pestati,
quale oscura chiarità s'apre tra le tue colonne?
Quale antica notte tocca l'uomo con i suoi sensi?
Ahi, amare è un viaggio con acqua e con stelle,
con aria soffocata e brusche tempeste di farina:
amare è un combattimento di lampi
e due corpi da un solo miele sconfitti.
Bacio a bacio percorro il tuo piccolo infinito,
i tuoi margini, i tuoi fiumi, i tuoi villaggi minuscoli,
e il fuoco genitale trasformato in delizia
corre per i sottili cammini del sangue
fino a precipitarsi come un garofano notturno,
fino a essere e non essere che un lampo nell'ombra.

- Pablo Neruda